CasaFacile di novembre 2022: l’editoriale del direttore

Un giornale di arredo non è semplicemente un giornale, ma un luogo in cui riconoscersi… Ti aspettiamo in edicola dal 3 novembre 2022!

Quando Mariachiara, una lettrice di 30 anni, mi ha scritto «Sono ‘bloccata’ nel comprare arredamento, perché penso che non stia bene a casa mia, che non avrebbe armonia negli spazi, e che spenderei inutilmente», mi sono rivista alla sua età nel negozio della lista nozze, paralizzata davanti a un set di pentole, con il quasi-marito che dava di gomito a un altro quasi-marito cercando le uscite di sicurezza… Pensavo: queste pentole devono durare tutta la vita, non posso sbagliare!

Sbagliavo eccome. Le cose ‘durano una vita’ solo se rispondono profondamente al nostro gusto e al nostro bisogno, altrimenti vorremo buttarle qualunque sia stato il pensiero razionale con cui le abbiamo comprate. Siamo convinti di fare scelte adatte a noi, ma spesso scegliamo qualcosa che rappresenta un’idea di noi: chi-vorremmo-essere, più che chi-siamo-veramente. E quasi mai mettiamo in conto l’attrazione fatale per tutto quello che evoca le nostre radici e risveglia l’imprinting del gusto ricevuto da piccoli.

Quando ho messo su casa la volevo in stile nordico: solo legno chiaro, bianco e nero. La cucina è in effetti bianca e nera ma non potrei sopportarla se attorno non avessi poi aggiunto i colori dei libri e una carta da parati variopinta in toni caldi, che finiscono sempre per conquistarmi più dei toni freddi. Se avessi realizzato la-casa-che-credevo-di-volere, ora la detesterei! A volte detesto anche la mia, a dire il vero: vorrei essere più ‘fredda’ nei gusti (e probabilmente anche nel temperamento) e riuscire a circondarmi di nuances pacate, ma col tempo ho capito che non mi sentirei a mio agio. Come so che quel fucsia folle del bagno di servizio è discendente diretto delle cucine arancioni di mia madre…

Poi, certo, nella vita si cambia, i gusti nell’arredo seguono la nostra metamorfosi come quelli degli abiti, e fra mode e ispirazioni che ci stimolano sempre più numerose, confondersi è facile: ma diventa un modo per sperimentare! E oggi esistono mille soluzioni per rivendere, scambiare o trasformare un oggetto. «A cosa dare priorità?», chiede Mariachiara. La mia risposta è: la priorità sei tu. quella che sei adesso. Poi, in futuro, si vedrà.

P.S. Mariachiara aveva anche un’altra domanda: cosa crea armonia fra gli arredi? Ma per questa ci vediamo alla prossima puntata.

 

[Francesca Magni]

——–

Occhi aperti e smartphone alla mano, gira per casa alla ricerca del dettaglio perfetto in stile CF! Fotografa un angolo che consideri particolarmente riuscito. E se non ne hai ancora uno, crealo. Cerchi un’idea? Puoi ritagliare, incorniciare e ambientare la frase che trovi a pag. 182 del nuovo CasaFacile in edicola dal 3 novembre 2022.

Ti chiediamo solo di liberare la fantasia e scattare. Poi posta la tua foto su Instagram con gli hashtag #casafacilestyle e #dettaglioperfetto e tieni d’occhio il profilo @casafacile: la tua casa potrebbe essere scelta per comparire lì e… anche sulle pagine del giornale.

The post CasaFacile di novembre 2022: l’editoriale del direttore appeared first on CasaFacile.

Iscriviti alla Newsletter

Get latest news and update

Newsletter BG