Il bello della contaminazione in un appartamento milanese

Oriente e Occidente si incontrano, fondendosi, in questo appartamento milanese abitato da una giovane famiglia: L’Italia di lui e la Cina di lei, ma anche tante altre suggestioni e idee per far convivere mondi solo apparentemente lontani…

Una casa amata fin dal primo momento, persa e poi ritrovata. «Ci ha ritrovati lei, a dire il vero – racconta Liw – dopo averci folgorati per la posizione, lo spazio, le altezze, la luce, l’aria. Ce ne innamorammo subito, ce la tolsero subito dal cuore. Poco dopo la nostra visita ci segnalarono che l’avevano venduta. Rammarico, cupezza. Tenemmo in rubrica il contatto dell’agenzia: ‘CasaDellaVita’. Lo salvammo così. Un mese dopo, e centinaia di annunci di brutte case dopo, il display del telefono si accese e lessi ‘CasaDellaVita’. “Siete ancora interessati?”. Gioia pura!!!».

Le scelte fatte

Via tutte le pareti non necessarie, per facilitare il flusso della luce; tonalità calde e naturali per quelle rimaste, per dare risalto agli arredi e creare scenografie diverse a ogni ora del giorno; un grande living open space che ti abbraccia appena entri, aperto sulla cucina da un lato e con una vetrata bordeaux (disegnata da Liw) dall’altro, che fa da filtro ‘light’ per l’ambiente studio/palestra.

Il tocco di stile

In questa casa riescono a convivere il futon con la libreria minimal, il divano Jap style con la credenza vintage, la carta da parati ispirata alla natura con lo chandelier a gocce: un gusto personale e deciso che non è mai ‘troppo’, mitigato dalla pavimenti in parquet, soffitti di travi sbiancate, pareti in toni pastello.

Guarda anche

Arredare

Il divano componibile Mah Jong

The post Il bello della contaminazione in un appartamento milanese appeared first on CasaFacile.

Iscriviti alla Newsletter

Get latest news and update

Newsletter BG